Tech

Questa è l’area del sito dedicata alle notizie e agli approfondimenti specifici sulle tecnologie ICT e le nuove tecnologie emergenti. Dall’IoT alla robotica, dalla cybersecurity all’Intelligenza Artificiale, fino alla Blockchain…

Arte, design e produzione: la Generative AI oltre il deepfake

Illustrazione con profilo di volto umanoide in primo piano su fondo scuro, all’interno del quale, al posto del cervello, si trovano cerchi luminosi connessi tra loro a formare una rete di luce, dalla quale si diramano un sottile circuito e una serie di frecce gialle, a esprimere il concetto di Generative AI, applicazione emergente nell’ambito dell’Intelligenza Artificiale la cui capacità generativa consente di produrre dati sintetici e di supportare l’uomo nelle sue attività creative.
La Generative AI è una delle applicazioni emergenti nell’ambito dell’Intelligenza Artificiale. La sua capacità generativa consente di produrre dati sintetici e di supportare l’uomo nelle sue attività creative. Le applicazioni della Generative AI sono sempre più diffuse nell’industria multimediale, nella sanità, nell’arte, nel design e nella produzione di nuovi prodotti.

Garantire un’istruzione di qualità, inclusiva ed equa: l’AI per il conseguimento dell’Obiettivo 4 dell’Agenda 2030

Illustrazione del Goal 4 dell’Agenda 2030, con disegni su fondo bianco che ritraggono figure di studenti mentre utilizzano tablet e leggono libri, a esprimere il concetto di intelligenza artificiale legato al mondo dell’istruzione.
La tecnologia è, oggi, in grado di offrire un valido contributo affinché “l’arma dell’istruzione” si diffonda universalmente, soprattutto laddove sono presenti gravi fragilità socio-economiche e conflitti. Anche se quella dell’educazione rimane una sfera delicata e complessa, in cui l’intelligenza artificiale, in futuro, sarà sempre più presente, ma non senza prima fare chiarezza su alcuni aspetti della sua applicazione.

Mercato IoT, il tempo della maturità

Mercato IoT - concept grafico. Immagine che richiama tanti oggetti connessi, in diversi ambiti applicativi, a testimonianza di un mercato IoT in forte crescita
Il mercato IoT è diventato mainstream, ha raggiunto la maturità. Molto rosee le previsioni di crescita in termini di potenziale valore economico globale, secondo le stime di McKinsey, ma ci sono ancora alcune barriere da superare che, ad oggi, confinano ben il 70% dei progetti aziendali (soprattutto in ambito Smart Factory) nel “purgatorio” dei progetti pilota.

Dalle analisi di Gartner alle previsioni di Forrester, i trend del mercato Tech per il nuovo anno

Rendering 3D di figura umana di spalle, sovrapposta a un’altra figura umana più grande e sempre di spalle ma digitalizzata, su uno sfondo composto da catene numeriche disposte a raggio, a esprimere il concetto di cammino verso un futuro in trasformazione, in cui il digitale avrà un posto centrale.
In questo finire d’anno, un filo rosso accomuna le tante riflessioni degli analisti sulle tendenze future del Tech: l’influenza dell’emergenza pandemica sulle nostre vite non si è affatto conclusa e continuerà a incidere sulle scelte delle aziende anche nel corso del 2022, in particolare attraverso una più profonda consapevolezza del ruolo del digitale nel fare fronte alle gravi situazioni di crisi e più solidi investimenti volti a potenziare i reparti IT.

Intelligenza artificiale e giustizia ambientale nell’era geologica dell’Antropocene

Immagine con, in primo piano, mani di robot umanoide contenenti zolle di terra e, sopra, un cerchio con icone della natura, a esprimere il concetto di intelligenza artificiale al servizio della giustizia ambientale.
Gli squilibri dell’ecosistema, la perdita di biodiversità e i cambiamenti climatici propri dell’attuale era geologica hanno conseguenze ancora più gravi su quelle aree del pianeta già oppresse da problematiche di natura socio-economica. Se rispondere a tale condizione di “ingiustizia sistemica” è un dovere etico, farlo per mezzo dell’intelligenza artificiale è necessario.

Metaverso e blockchain: dai mondi virtuali 3D una nuova grande opportunità per l’universo crypto

Immagine con, in primo piano, uomo di affari che indossa visore VR su sfondo blu e, sulla sinistra, icone di bitcoin e criptovaluta, a esprimere la collaborazione tecnologica tra metaverso e blockchain e le opportunità di business nella creazione dei mondi virtuali 3D che ne derivano.
L’annuncio di Meta da parte di Mark Zuckerberg ha creato un immediato boom delle quotazioni dei metaversi già presenti, tra cui quelli basati sulla blockchain, come Decentraland o The Sandbox. La collaborazione tecnologica tra metaverso e blockchain promette grandi opportunità di business nella creazione dei mondi virtuali 3D, capaci di attirare attivamente investitori e brand.

L’AI a supporto dell’Obiettivo 16 dell’Agenda 2030: la tecnologia al servizio della pace e dell’inclusività

Immagine vettoriale dell’Obiettivo 16 dell’Agenda 2030, a espressione degli ideali di pace, inclusività e giustizia, con, in alto la scritta “Intelligenza artificiale per i 17 Obiettivi ONU: focus sul Goal 16”
“Senza una comunità pacifica e inclusiva, non può esservi sviluppo sostenibile” recita l’Obiettivo 16 dei Sustainable Development Goals. L’intelligenza artificiale, certo, non ha la bacchetta magica, ma, per questo SDG dell’Agenda ONU, può intervenire, ad esempio, quantificando, attribuendo un numero e una precisa area geografica alle manifestazioni di odio e di intolleranza in Rete, indicando, a chi di dovere, “dove” intervenire per scardinare il sistema.

Mobility as a Service: la Ricerca traccia la via con il progetto MyPass

Immagine grafica che richiama un nuovo modo di vivere gli spazi urbani e di fruire dei servizi di mobilità: il MaaS, acronimo di Mobility as a Service, rappresenta un nuovo modello di business, basato su piattaforme digitali che integrano più servizi per gli utenti cambiando il paradigma della mobilità
Un nuovo modo di vivere gli spazi urbani e di fruire dei servizi di mobilità: il MaaS, acronimo di Mobility as a Service, rappresenta un nuovo modello di business, basato su piattaforme digitali che integrano più servizi per gli utenti cambiando il paradigma della mobilità, dalla proprietà dei mezzi di trasporto personali alla mobilità condivisa fruibile come servizio. Va in questa direzione MyPass, un progetto di Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale che si propone di sviluppare azioni ed iniziative concrete che possano favorire la diffusione del modello MaaS in Italia. Si parte con due siti pilota, Cagliari e Napoli.

Urban Air Mobility, dall’idea dei droni taxi alla sicurezza dei voli aerei

Urban Air Mobility - concept grafico | Immagine grafica che raffigura alcuni droni e aerotaxi che volano sopra un strada cittadina ad alta percorrenza. L'immagine richiama il futuro della cosiddetta Urban Air Mobility
Non siamo ancora nell’era dell’Urban Air Mobility, dei cosiddetti taxi volanti e nemmeno dell’utilizzo dei droni quali mezzi di trasporto, beni e persone, nel contesto della mobilità urbana. Ma è da qui che è partita la startup The Edge Company per sviluppare BCMS Ventur X (Obstacle Detection System), un sistema capace di riconoscere gli ostacoli, monitorare e allontanare gli uccelli. Un aspetto molto importante per la sicurezza nei voloporti.