Cloud Gaming: un matrimonio che s’ha da fare ora che arriva il 5G?

Il Cloud Gaming è un mercato in fortissima crescita (come il Mobile Gaming) che potrebbe avere un’ulteriore accelerazione dal 5G

Il Cloud Gaming, detto anche Gaming Online e a volte chiamato Gaming on demand o Gaming-As-a-Service (ma anche gioco in streaming), è un tipo di servizio online che esegue videogiochi su server remoti e li trasmette direttamente al dispositivo di un utente che può così giocare online, tramite un servizio Cloud appunto, senza dover installare nulla sui propri device. Si tratta di un mercato in fortissima crescita che potrebbe avere un’ulteriore accelerazione dal 5G. Vediamo perché.

Le nuove frontiere del Cloud Gaming

Nelle ultime settimane le forze dell’alleanza PAPI hanno continuato ad avanzare nel territorio dell’Impero. Lo scontro tra Impero e PAPI ha avuto un successo discutibile. La fortezza imperiale di FWST-8 è caduta, ma le navi dell’alleanza hanno subito gravi perdite.

Un breve reportage di The Scope ci aiuta a capire tutte le dinamiche dei due giorni di intensi scontri, le forze in campo e gli equilibri post battaglia.

Per la maggioranza dei lettori quello che ho appena scritto non ha assolutamente senso. Solo gli esperti di EVE sanno di cosa parlo.

Premetto che non gioco a questo universo, ma ho appreso anche la notizia per una ragione semplice. Questa battaglia, totalmente virtuale, ha richiesto ingenti risorse di tempo-utente (vero) per costruire queste flotte, di calcolo macchina per mantenere on line tutti i giocatori (alcune migliaia) e un discreto dispendio di moneta virtuale di EVE, oltre alla domanda energetica (questa vera) dei server in Cloud.

Intendiamoci, non parliamo di volumi sconvolgenti, se paragonati ai servizi di cloud che Aws, Ibm, Microsoft e altri player, dedicano ai loro clienti. Ma per un singolo gioco è stato un investimento importante.

Mobile gaming e 5G, una rivoluzione in atto

Che il mondo del Gaming sia in forte crescita non è una novità. Il Covid ha sicuramente aiutato e si stima che il trend, anche post pandemia, sarà in crescita con gli stessi volumi che si sono affermati in questi mesi.

Ho voluto menzionare EVE perché questo universo, che funziona in Cloud e continua ad espandersi (in Cina per esempio), esiste da poco meno di 20 anni.

Nel tempo la grafica è migliorata, i singoli sistemi economici, sociali, e politici si sono evoluti, divenendo via via più strutturati e complessi tali da richiedere una “mano” dall’ex ministro dell’economia Varoufakis per strutturare i sistemi più elaborati.

Oggi insieme a World of Warcraft, è probabilmente l’universo più “antico”.

Quello che avverrà nei prossimi anni, con l’arrivo del 5G e del Cloud in ambito ludico, rappresenta un ulteriore rivoluzione per questo settore.

Prima di discutere di 5G e Cloud consideriamo alcuni numeri sull’attuale settore.

Crescita del mercato del mobile gaming
Crescita del mercato del mobile gaming

Se 160 miliardi di dollari sembrano una cifra importante è ancora più vitale considerare che la crescita di questo settore è andata crescendo, quasi a due cifre su base annua, negli ultimi 10 anni.

Quello che un tempo era il reame di pochi milioni di nerd, che con consolle ultra costose o pc pompati si scatenavano in solitario, oggi è un business che muove miliardi e coinvolge poco più che 2 miliardi di persone.

Mobile Gaming, la strada verso un più diffuso Cloud Gaming

Il grande passo che ha dato una ulteriore spinta alla crescita è stata l’entrata in campo di device mobili: Pad e cellulari. Oggi un cittadino di Luanda e uno di Helsinki possono combattersi all’ultimo sangue scaraventandosi addosso cannonate da una corazzata all’altra, squartando orchi e goblin insieme oppure, come in Eve, ammassando flotte ai bastioni di Orione.

Come possiamo notare, nella grafica precedente, il business del gaming per device mobili (Pad e cellulari con schermo amplio) nel 2019 si assestava a poco meno di 60 miliardi di dollari (il 40% dell’intera industria nello stesso anno) e nel 2020 ha superato i 77 miliardi di dollari; si comprende dunque molto bene come gli ambienti mobile siano “una strada obbligata” per una casa di produzione del settore Game.

La ragione di questa crescita di soluzioni di Mobile Gaming è  riassunta in 2 principali ragioni: accessibilità economica e accessibilità di banda.

Il primo tema è familiare a qualunque gamers. Dove con le console o un Pc (di solito la piattaforma tra i personal computer preferita, rispetto ai Mac) hanno un costo di ingresso (acquisto) medio alto (dai 500 ai 2000 dollari) un Pad e un cellulare, che svolgono anche la funzione di device di comunicazione, hanno un costo più basso. Se consideriamo cellulari cinesi o coreani partiamo dai 300 dollari fino a device di fascia alta come iPhone a 1100 dollari in media.

Il secondo aspetto è l’accesso alla rete.

Mentre il Pc o la console richiedono un ulteriore esborso economico perché richiedono una postazione elettrica, una abbonamento Internet (se si vuole giocare in rete, o quanto meno acquistare i giochi tramite servizi di distribuzione digitale come Steam) e idealmente un ambiente domestico adatto (a cui si aggiunge nel caso della console uno schermo video o un monitor HD).

Pad e mobile sono indipendenti, si possono utilizzare ovunque, stante che la maggioranza sono già predisposti e utilizzati come sistemi per collegarsi alla rete (quindi con un abbonamento incluso o in comodato) il costo totale di una soluzione console – Pc tende ad essere maggiore.

A questo si aggiunga che per giocare con Pad o mobile basta avere una connessione Wi-Fi, una tecnologia mediamente più diffusa nei paesi del terzo mondo rispetto a una connessione dati fisica e terrestre.

Di qui si comprende come la crescita di gamers in paesi dove la rete elettrica e la banda fisica possono essere fluttuanti in termini di disponibilità (Africa, Asia, Medio oriente Latino America) si affidi a soluzioni mobili.

Con questi due parametri possiamo introdurre il ruolo vitale che ha il Cloud nel mondo del gaming e l’ancor più vitale ruolo che rappresenteràin futuro il 5G oppure il 6G (in fase di test in Cina).

Visual Capitalist - The rise of gaming revenue
Visual Capitalist – The rise of gaming revenue

Cloud & 5G nel futuro dell’online gaming

Molti paesi del terzo mondo, Africa in testa, hanno fatto un balzo quantico quando si parla di telecomunicazioni. Si è passati dalla radio direttamente al cellulare. L’utilizzo del cellulare e la diffusione in Africa è stato fondamentale per far evolvere le prime forme di fintech. Pensiamo alle soluzioni di money transfer di M-pesa o di business intelligence sui mercati del pesce. Il tutto utilizzando una tecnologia 2g.

Con l’arrivo del 3G e dei palmari o Pad, il mondo mobile è divenuto ancora più pervasivo. Questo per la facilità di diffondere banda via antenne rispetto alla stesura di una rete telefonica radicata nel territorio e nelle piccole comunità.

Se a questo si aggiunge differenti forme di energia (da piccoli pannelli solari a poco prezzo, di solito made in Cina o generatori a carburanti fossili) si può ben comprendere come il cellulare avrà una continua crescita nei paesi del terzo mondo. Anche la stessa Cina, Centro asia, Latino America sub-urbani o rurali, hanno le stesse caratteristiche.

Durante il lungo trimestre di lockdown Youtube decise di abbassare lo standard automatico di qualità massima disponibile per i filmati a 720 dpi. La scelta non fu dettata da un’incapacità di Google di fornire filmati ad alta risoluzione. La forte domanda di banda per dispositivi mobili e fissi, soprattutto legata a pacchetti video (ricordiamo le video conferenze in Zoom e altre piattaforme popolari come skype) misero a dura prova la disponibilità di banda in tutto l’occidente.

Con questa temporanea inefficienza in mente possiamo comprendere l’utilità del futuro 5G, specialmente in ambito Gaming.

Il Gaming via dispositivi mobili o da terminali fissi (console o Pc) se giocato on line richiede un traffico dati importante. Andando avanti nel tempo, EVE in questo è un esempio, la grafica dei giochi on line è sempre più aumentata di qualità. Se a questa offerta grafica corrisponde una domanda di banda per trasmetterla in tempo reale a migliaia, milioni di utenti , si comprende come una banda molto performante è vitale. Il 5G è di fatto già oggi una necessità per il mondo Gaming.

Esiste poi la variabile realtà virtuale o realtà aumentata. Sono due capitoli ancora in divenire nel mondo del Gaming, ma con elevate potenzialità. Entrambe queste soluzioni, a titolo differente, richiederanno uno sforzo alla rete (ipotizzando che si giochi on line con altri utenti) massiccia. Specialmente la realtà virtuale che richiederà pacchetti dati aggiornati in tempo reale a 360° intorno al giocatore che sarà immerso nell’universo dove sta agendo.

Già oggi si stima che il 5g avrà come maggiore qualità di dati i video. Divisi in conference call (assumendo che lo smartworking diventi uno standard condiviso, anche solo a livello OSCE), video (piattaforme legali o illegali di streaming da Youtube a Netflix, da Youporn a siti pirati) e Cloud Gaming (o Gaming on line).

Il mondo del Cloud egualmente dovrà essere pronto per l’arrivo di una nuova generazione di giochi che sfruttano pesantemente questo servizio.

Oggi consideriamo che tutti i maggiori player del settore (Aws, Facebook, Microsoft solo per citare i principali occidentali) stanno muovendosi per integrare soluzioni di Cloud per i propri clienti ma, nel caso delle piattaforme come Aws-Amazon e Facebook, anche soluzioni native per ospitare gli utenti nel loro Cloud. In ballo non c’è solo un servizio di erogazione dati, hosting e potere di calcolo remoto per i gamer del futuro. In ballo c’è una parte sempre più crescente dei gamer-utenti che offriranno, spontaneamente, dati preziosi che, una volta elaborati e valorizzati, si tradurranno in ulteriori servizi per le piattaforme sociali o e-commerce.

Le potenzialità sono enormi: pensiamo ai dati raccolti in un Gaming on line per mantenersi in linea (e-training) collegato a piattaforme mediche o assicurative, che possono stimare il rischio e relativo premio assicurativo. Pensiamo alle applicazioni di micro pagamenti per acquistare oggetti nel gioco (già oggi una realtà per quanto ancora una nicchia) piuttosto che l’opportunità per numerosi brand di fare posizionamento di prodotto (un po’  come oggi si usa nei film, ma con approcci più penetranti e pervasivi).

Con l’arrivo del 5G e una ulteriore espansione del Cloud il mondo attuale del Gaming, specialmente on line, sarà letteralmente amplificato. Quelle che oggi sembrano cifre con valori importanti, è plausibile che tra 10 anni si saranno decuplicate.

Default image
Enrico Verga
Analista ed editorialista | Nasce comasco e diviene milanese, si laurea in Scienze politiche internazionali alla Università Cattolica del Sacro Cuore. Segue la sua ispirazione business e diventa consulente strategico e istituzionale per aziende italiane che vogliono innovarsi e accrescere il proprio business. Pubblica le sue analisi e osservazioni anche su il Sole 24 ore, Fortune, Forbes, Agi, Fomiche, Linkiesta, Manager Italia, Longitude.
Articles: 10

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter