Default image

Francesco La Trofa

Da vent’anni attivo nella ricerca relativa alle tecnologie 3D, divulgatore sul tema delle applicazioni enterprise di tali tecnologie e autore di “VR Developer. Il creatore di contenuti in realtà virtuale ed aumentata” (2018), edito da Franco Angeli (vrdeveloper.info). Scrive di IT anche per il portale https://www.sergentelorusso.it/

Il business della robotica: prospettive e analisi di mercato

Rendering 3D di bracci robotici in fila all’interno di un contesto industriale, a evocare una delle numerose applicazioni incluse nel più ampio business della robotica.
Il business della robotica è un fenomeno che va ben oltre la sua dimensione tecnologica. I robot sono in grado di automatizzare e rendere più efficienti i processi dei principali settori produttivi, compensando il grande gap, in termini di forza lavoro e di competenze, atteso negli anni a venire. Secondo tale prospettiva, la robotica diventa un abilitatore fondamentale dell’Industria 5.0 e della Società 5.0.

Digital twin city: il futuro tecnologico della città sostenibile e inclusiva

Digital Twin City - concept grafico del gemello digitale di una città
Per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile dei sistemi urbani previsti dall’Agenda 2030 dell’ONU, il CAICT (China Academy of Information and Communication Technology) e il World Economic Forum hanno intrapreso una ricerca congiunta sulla digital twin city, i cui primi risultati sono stati pubblicati nel report Digital Twin Cities: Framework and Global Practices

Musei e nuove tecnologie: a Torino si sperimentano Intelligenza Artificiale, 5G e robotica, con il robot R1 a fare da “guida museale” alla GAM

Musei e nuove tecnologie - concept grafico
AI, 5G e robotica nei musei possono rivoluzionare l’esperienza di visita e fruizione delle collezioni. L’esempio concreto arriva da una sperimentazione svolta da Fondazione Torino Musei in collaborazione con l’Istituto Italiano di Tecnologia ed Ericsson, nell’ambito del progetto Horizon 2020: 5G Tours, che ha visto il robot R1 nelle vesti di un’inedita guida museale.

Cultural Heritage: 3D e OSINT per tutelare i beni culturali dalla furia delle guerre

Screenshot del trailer-tutorial del progetto Backup Ukraine in tema di Cultural Heritage, realizzato con il patrocinio ufficiale UNESCO
Grazie a Internet, alle tecnologie 3D e alle tecniche di OSINT (Open Source INTelligence), sono stati avviati progetti collettivi finalizzati a digitalizzare i beni culturali delle zone di crisi, per conservare la loro memoria nel caso in cui dovessero essere distrutti dagli eventi bellici. Il successo di iniziative come Backup Ukraine, SUCHO, REKREI e delle investigazioni di Forensics Architecture aprono l’era dei moderni Monuments Men.