Immagine predefinita

Francesco La Trofa

Da vent’anni attivo nella ricerca relativa alle tecnologie 3D, divulgatore sul tema delle applicazioni enterprise di tali tecnologie e autore di “VR Developer. Il creatore di contenuti in realtà virtuale ed aumentata” (2018), edito da Franco Angeli (vrdeveloper.info). Scrive di IT anche per il portale https://www.sergentelorusso.it/

Il valore sociale del metaverso

Immagine vettoriale che, su uno sfondo scuro in cui si intravvedono edifici in lontananza, ritrae in primo piano un giovane che, con un visore VR e un mappamondo azzurro in mezzo alle braccia, guarda dritto avanti, a evocare la necessità, da qui a venire, di definire il valore sociale del metaverso, rivedendone in primis gli aspetti tecnologici abilitanti, per poi considerarne gli aspetti legati all’etica, alla sostenibilità ambientale e all’inclusione.
La collaborazione nei mondi virtuali implica l’emergenza di un valore sociale del metaverso, da cui derivano inevitabilmente un serie di importanti riflessioni, che spaziano dalla scarsa consapevolezza generale sull’argomento alle grandi sfide che andranno affrontate per sviluppare le sue applicazioni.

Il valore economico del metaverso

Immagine vettoriale raffigurante una realtà immersiva con, al centro, una figura maschile che guarda lontano, alla sua sinistra, indossando occhiali VR e, alle sue spalle, linee e figure geometriche che evocano un grafico relativo all’andamento economico, a richiamare il concetto di business e di valore economico legato al metaverso.
La curiosità nei confronti del metaverso cresce di giorno in giorno, da parte di aziende ed investitori che intendono esplorare le sue immense potenzialità per orientare i futuri progetti strategici. Definire, oggi, il valore economico del metaverso comporta la definizione di scenari che attualmente non esistono, per anticipare scenari di business in grado di rivoluzionare il modo di lavorare, comunicare e vivere nella società.

Mondi virtuali 3D: USD, l’html del metaverso

Immagine vettoriale che illustra un Web developer con visore 3D mentre crea codici di programma e sviluppa software per realtà virtuale, a evocare la creazione del formato USD (Universal Scene Description) per il metaverso.
Universal Scene Description (USD) è la tecnologia che dovrà costituire per il metaverso ciò che l’html tuttora rappresenta per il web. Creato da Pixar per supportare la pipeline di produzione dei film di animazione in 3D, è stato in seguito reso open source e supportato da moltissime aziende enterprise, che compongono il Metaverse Standards Forum.

Divulgare i cambiamenti climatici: una grande avventura tecnologica

Vista del ghiacciaio di Schlaten, lungo il versante orientale del Grossvenediger (Austria), in prossimità del rifugio Alte Prager Hutte, recentemente restaurato. 2021, Fabiano Ventura (credit: Associazione Macromicro)
I cambiamenti climatici stanno diventando una realtà sempre più critica, ma oggi è possibile conoscerli molto meglio, grazie a tecnologie che consentono di acquisire ed analizzare una quantità e una varietà sempre maggiore di dati. Grazie all’osservazione fotografica, il progetto Sulle tracce dei ghiacciai affronta la dinamica della fusione dei ghiacci dovuta al surriscaldamento globale. L’autore Fabiano Ventura ci svela i dettagli di una straordinaria avventura tecnologica e culturale, durata oltre tredici anni.

Alphafold Protein Structure Database: il “Google” delle proteine

AlphaFold Protein Structure Database - Struttura 3D della proteina Q8W3K0 - Credits: https://alphafold.ebi.ac.uk/entry/Q8W3K0
Dopo aver risolto lo storico problema del protein folding grazie all’intelligenza artificiale di AlphaFold, DeepMind torna a sorprendere, con la pubblicazione di un database open source contenente la struttura 3D di oltre 200 milioni di proteine, quasi tutte quelle di cui attualmente si conosce il genoma. Si tratta di un passo fondamentale nella storia della bioinformatica e del contributo della AI alla ricerca scientifica, per favorire nuove cure, nuovi farmaci e nuove tecnologie per contrastare l’inquinamento ambientale.

Tecnologie per documentare e divulgare gli effetti dei cambiamenti climatici in montagna

Fotografia che ritrae il settore inferiore della lingua del Ghiacciaio Rongbuk, sul Monte Everest, in Nepal, esempio di tecniche e metodi volti a documentare il cambiamento climatico in montagna. (2018, Fabiano Ventura. Credit: Associazione Macromicro).
I cambiamenti climatici generano impatti sempre più significativi sull’ambiente del pianeta. I ghiacciai, attraverso il loro ritiro, costituiscono un testimone loro malgrado privilegiato. Grazie alla ricerca e alla tecnica fotografica e al contributo di apporti scientifici multidisciplinari, i risultati degli studi della climatologia e della glaciologia incontrano il grande pubblico, con intenti di sensibilizzazione e divulgazione scientifica.