Secondo Gartner, Smart Spaces, Generative AI, crittografia omomorfica, Graph Technologies e metaverso rappresentano le tecnologie e le tendenze destinate, nei prossimi anni, a trasformare completamente interi mercati. Vediamone i tempi di sviluppo stimati e il loro potere di impatto.

TAKEAWAY

  • L’Impact Radar 2022 di Gartner si focalizza su 20 tecnologie e tendenze dal potere di impatto diverso e in grado di raggiugere la piena maturità con tempistiche differenti, comprese in un range che va dai pochi mesi agli 8 anni.
  • Tra queste, in particolare, 5 tecnologie e tendenze si stima avranno un time to market tra i 3 e gli 8 anni e incideranno in modo significativo sulle dinamiche dei mercati.
  • Le aree alle quali afferiscono sonoSmart World”, comprendente soluzioni che trasformano l’interazione col mondo che ci circonda; “Productivity Revolution”, che vede l’adozione dell’AI per “rivoluzionare” la produttività in numerosi settori; “Ubiquitous and Transparent Security”, in tema di sicurezza del digitale e “Critical Enablers”, in materia di digital transformation delle azeinde.

A dodici giorni dall’inizio del nuovo anno, una breve sintesi di alcune delle tecnologie e delle tendenze che Gartner ha inserito nel suo Emerging Technologies and Trends Impact Radar 2022, in particolare su quelle per le quali sono previsti archi di tempo compresi tra i 3 e gli 8 anni prima che, da “early adopter”, evolvano in “early majority adopter”, ossia prima che da emergenti raggiungano un livello di maturità tale da segnarne la loro commercializzazione su ampia scala. Ricordiamo che le tecnologie e i trend del Gartner Impact Radar 2022, indicati come quelli col maggior potenziale di impatto su molteplici mercati, sono in totale 20 e rientrano all’interno di quattro aree strategiche:

  • Smart World, in grado di apportare cambiamenti importanti sul modo in cui le persone interagiscono con il mondo che le circonda. Sotto questo cappello, gli analisti di Gartner fanno rientrare le tecnologie che rimandano agli Smart Spaces, al Multimodal User Interface, all’IoT Platform, ai Digital Twins e alle Advanced Virtual Assistants
  • Productivity Revolution, ovvero la “rivoluzione della produttività” grazie all’utilizzo di tecniche che fanno capo all’ambito di studi dell’Intelligenza Artificiale. Fanno parte di quest’area il Self-Supervised Learning, l’Edge AI, la Generative AI, i Synhetic Data e l’AIASE
  • Ubiquitous and Transparent Security fa riferimento all’urgenza di mettere in sicurezza il mondo digitale e, in particolare, alle tecnologie di Autenticazione senza password (Passwordless Authentication), all’Homomorphic Encryption (crittografia omomorfica) e alla Digital Ethics
  • Critical Enablers accorpa quelle tecnologie e quelle tendenze capaci di modernizzare operatività e processi aziendali, tra cui Hyperscale Edge Computing, AR Cloud, LCAP, Collaborative Ecosystem Product Development, 6G, Graph Technologies e AI-Generated Composite Applications
Il Radar di Gartner sulle tecnologie e le tendenze emergenti più impattanti del 2022, dove ognuno dei quattro cerchi concentrici di colore diverso sta a indicare l'intervallo di tempo necessario affinché queste passino da early adopter a early majority adopter e dove le dimensioni e i colori dei pallini si riferiscono al potere che le singole tech e i singoli trend hanno di imporsi sul mercato.
Il Radar di Gartner sulle tecnologie e le tendenze emergenti più impattanti del 2022, dove ognuno dei quattro cerchi concentrici di colore diverso sta a indicare l’intervallo di tempo necessario affinché queste passino da early adopter a early majority adopter e dove le dimensioni e i colori dei pallini si riferiscono al potere che le singole tech e i singoli trend hanno di imporsi sul mercato. (Fonte: https://www.gartner.com/en/articles/5-impactful-technologies-from-the-gartner-emerging-technologies-and-trends-impact-radar-for-2022).

5 tra le tecnologie e i trend emergenti del 2022, i loro time to market e le potenzialità di impatto

Dei 20 “segnali” individuati da Gartner e inseriti nel suo Radar 2022, 5 nei prossimi anni si trasformeranno – secondo gli analisti – nelle innovazioni di maggior rilievo, destinate a trasformare i mercati. Eccone una sintesi con, in evidenza, l’indicazione dei rispettivi time to market.

1) Smart Spaces (3 – 6 anni)

Facenti parte dell’area Smart World, gli “spazi intelligenti” sono ecosistemi – fisici oppure digitali – aperti e connessi, in cui, per le persone così come per i sistemi e le tecnologie, è possibile uno scambio, un’interazione. Ne sono un esempio le Smart City, gli Smart Building, gli “spazi di lavoro digitali” e le “sedi intelligenti”.

L’emergenza pandemica, imponendo il distanziamento sociale in tutti gli ambienti, sia all’aperto che al chiuso, ha influito, in questi ultimi due anni, sull’ascesa degli spazi intelligenti che – in un periodo di tempo compreso tra i 3 e i 6 anni – si stima verranno sempre più adottati, complice anche il completamento del processo di trasformazione digitale globale, che introdurrà, nelle organizzazioni di ogni dimensione e settore di appartenenza, nuove tecnologie (tra cui l’IoT) a vantaggio di spazi più connessi e più smart.

2) Generative AI (6 – 8 anni)

All’interno del comparto Productivity Revolution, la Generative AI – o Intelligenza Artificiale generativa – rimanda a tecniche AI che, a partire da set di dati tematici, apprendono e generano contenuti del tutto nuovi e originali.

Si tratta di un trend che Gartner colloca nella fascia temporale per la quale il percorso che conduce alla maturità necessita tra i 6 e gli 8 anni, anche se già oggi è possibile avere un assaggio dell’AI generativa in quelle applicazioni in cui, ad esempio, si lavora alla creazione di nuovi materiali. Un suo possibile utilizzo malevolo, che la vede quale strumento per la produzione di deepfake, è tra i fattori responsabili del rallentamento della sua adozione.

Ma il potere di impatto di tale trend è alto e, tra i settori che iniziano a strizzarle l’occhio, figurano, tra gli altri, le scienze dei materiali, i media, l’intrattenimento e le scienze della vita.

3) Tecnologie e trend 2022: focus sull’Homomorphic Encryption (3 – 6 anni)

L’Homomorphic Encryption o “crittografia omomorfa”, tra le tecnologie a elevato impatto del comparto Ubiquitous and Transparent Security, è un metodo di criptazione dei dati grazie al quale questi ultimi possono essere elaborati da terze parti senza la necessità di decifrazione.

Benché il suo time to market preveda una tempistica che va dai 3 ai 6 anni, in realtà il percorso che conduce all’adozione di tale tecnologia è reso irto da questioni legate alle sue prestazioni, dalla mancanza di standardizzazione e dalla cultura della “segretezza” che ancora domina il settore.

L’utilizzo della crittografia omomorfica, in futuro, sarà centrale, ad esempio, nell’ambito delle offerte Software as a Service (SaaS), al fine di «garantire la protezione dei dati tra fornitori di elaborazione dati e analisi di terze parti».

4) Graph Technologies (3-6 anni)

Presenti nell’area delle Critical Enablers, ossia delle tecnologie e dei trend capaci di modernizzare le operatività e i processi aziendali, le “tecnologie dei grafi” fanno riferimento alla gestione dei dati presenti nei grafi e alle tecniche atte ad analizzarli e a metterli in relazione tra loro. L’esempio classico della loro applicazione è quello dell’analisi dei dati ricavati dai social media, dove, per mezzo delle Graph Technologies, viene implementata l’identificazione di determinate comunità e gruppi e i loro contenuti e comportamenti in rete.

Le tempistiche relative alla loro adozione vanno dai 3 ai 6 anni e, per quanto concerne la loro commercializzazione, è ipotizzabile – secondo Gartner – che buona parte di queste tecnologie vengano integrate all’interno di piattaforme dati esistenti.

5) Tecnologie e trend 2022: anche il metaverso al centro dell’attenzione, ma con tempi di sviluppo dilatati

Nonostante Gartner preveda per lui un time to market che va oltre l’arco di tempo degli otto anni, un altro trend degno di nota del 2022 – anche se ancora nella fase iniziale di sviluppo – è il metaverso, considerato l’evoluzione di Internet.

LEGGI L’APPROFONDIMENTO SULL’HYPE CYCLE 2022 DELLE TECNOLOGIE EMERGENTI DI GARTNER

Difficile, oggi, dare una definizione assoluta di tale tendenza emergente. Quelle che, invece, sembrano certe sono le aspettative nei suoi confronti, che vogliono la transizione verso il metaverso impattante quanto quella che ha segnato il passaggio dall’analogico al digitale.

Ambiente digitale costituito da reti interconnesse, che utilizzeranno protocolli di comunicazione ancora da definire, consentirà – secondo gli analisti – «contenuti digitali decentralizzati e interoperabili, che andranno intersecandosi con i contenuti in tempo reale».

Scritto da:

Paola Cozzi

Caporedattrice Leggi articoli Guarda il profilo Linkedin