Default image

Emanuele La Veglia

Giornalista professionista, collabora con testate online nazionali (tra cui Affari Italiani) dopo aver maturato esperienze in Sky e AdnKronos. Ha già vinto diversi premi giornalistici ed oggi scrive di sostenibilità, women empowerment e innovazione. Scrive di IT anche per il portale https://www.sergentelorusso.it/

Supercomputer e diagnosi Alzhemeir: la tecnologia aiuta a rallentare il deterioramento cognitivo dovuto alla malattia

supercomputer e diagnosi Alzheimer
Grazie all’ausilio di supercomputer e sistemi AI, è possibile una conoscenza approfondita dell’area del cervello colpita dal morbo di Alzhemeir, finora esplorata solo post mortem: se la quantità di materia grigia al suo interno tende a diminuire, è a causa della patologia e, scoprendolo in tempo, è possibile evitare che si consumi del tutto. A dirlo è uno studio portato avanti da alcuni Atenei della California e del Maryland, le cui macchine hanno fotografato decine di migliaia di cervelli umani, ottenendo dati molto preziosi.